dom | 21 | ottobre | 2018

Leaderboard banner 728×90
ESTA PER LA SICUREZZA DEI PARCHI EOLICI

ESTA PER LA SICUREZZA DEI PARCHI EOLICI

Fornitori di servizi e committenti dovrebbero unirsi al dibattito sull’incremento della sicurezza e dell’efficienza durante la costruzione di parchi eolici on shore per aiutare l’industria a migliorare gli standard.

Questo è stato il messaggio chiave dei principali relatori del vertice di esperti di ESTA e FEM di Amburgo di aprile.

Klaus Meissner, Presidente del gruppo Mobile Cranes di FEM, ha detto che i progressi fatti fino a oggi sono stati molto preziosi, ma che la maggior parte degli sviluppatori non ha partecipato alle discussioni e ha chiesto loro di partecipare attivamente.

“Sono i committenti che ovviamente hanno un’enorme influenza sul modo in cui un progetto è pianificato e consegnato, e sul tipo di equipaggiamento scelto”, ha dichiarato. “Hanno anche un impatto enorme sulla sicurezza. Essere maggiormente coinvolti con i loro fornitori di gru e trasporti sarebbe vantaggioso per tutti noi, migliorando sia l’efficienza che la sicurezza dei cantieri”.

Il vertice è l’ultimo di una serie di incontri pianificati per concordare nuove linee guida sulle migliori pratiche per l’installazione e il trasporto sicuri delle turbine eoliche terrestri e per migliorare la comunicazione e la pianificazione dei progetti lungo la catena di approvvigionamento.

I vertici sono organizzati da ESTA e dai produttori di gru rappresentati da FEM, l’associazione dei produttori di attrezzature di sollevamento nell’UE , insieme a VDMA Power Systems, la parte della Federazione tedesca degli ingegneri i cui membri includono i principali produttori di turbine.

David Collett, Presidente e Amministratore delegato di ESTA del Gruppo Collett, ha affermato che quando i nuovi standard di buone pratiche saranno finalmente approvati e pubblicati, l’intero settore dovrebbe includerli in tutta la documentazione pertinente.

Dovrebbero inoltre essere promossi dalle associazioni di categoria in tutta Europa ai loro membri, alle autorità per la salute e la sicurezza, agli enti assicurativi e agli agenti di progettazione dei siti.

Le associazioni ESTA, FEM e VDMA prevedono di produrre un documento sulle migliori pratiche per promuovere un miglioramento della cultura della sicurezza, supportato da linee guida tecniche più dettagliate come la direttiva FEM 5.016 – Problemi di sicurezza nell’installazione e nel trasporto di turbine eoliche (EN – 2017).

Le preoccupazioni per la sicurezza sono cresciute con lo sviluppo di nuove turbine più grandi, con maggiori altezze al mozzo, la pressione al ribasso sui costi lungo la catena di approvvigionamento e il crescente utilizzo di siti difficili da raggiungere con condizioni di terreno difficili.

Il direttore dell’ESTA Ton Klijn ha anche sottolineato l’importanza di elevare gli standard di formazione in quanto i progetti sono diventati più grandi e più complessi.

Nel tentativo di risolvere questo problema, ESTA sta lanciando il progetto European Crane Operators License (ECOL), il cui primo progetto pilota sarà presto avviato.

“Più coinvolgiamo non solo i produttori di turbine ma anche i loro clienti, gli sviluppatori e le aziende di servizi pubblici, più riusciremo a costruire un settore più sicuro e produttivo. Per quanto riguarda il miglioramento della base di competenze del settore, chiediamo a tutti coloro che sono coinvolti nell’industria eolica di sostenere l’ECOL per mostrare che sono seriamente intenzionati a elevare gli standard degli operatori di gru in tutta Europa” ha concluso Ton Klijn.

Related posts