dom | 18 | novembre | 2018

Leaderboard banner 728×90
HIAB ALLO IAA

HIAB ALLO IAA

Nel 2016, Hiab, azienda del gruppo Cargotec, ha presentato HiVision, un nuovo sistema rivoluzionario per l’azionamento delle gru che ha cambiato le regole del gioco nel settore della movimentazione dei carichi. Ora, a due anni dal lancio, Hiab ha venduto le proprie gru equipaggiate con HiVision in più di 10 Paesi e si è aggiudicata diversi premi per l’innovazione. Inoltre, il sistema di controllo è stato approvato dall’azienda di revisione dei veicoli europei Dekra e certificato da TÜV Rheinland, fornitore leader internazionale di servizi tecnici.

Ora l’auspicio di Hiab è che i clienti continuino a investire in altre gru HiVision per le proprie flotte.

HiVision è una modalità di azionamento delle gru completamente nuova. Infatti, permette di azionare la gru direttamente dalla cabina dell’autocarro per mezzo di occhiali 3D per la realtà virtuale e telecamere. In tal modo si ottiene una panoramica perfetta dell’area di lavoro, in tutta sicurezza e comodità dal proprio sedile. Nel caso delle gru forestali, una pratica piuttosto comune è quella di azionare la gru da un sedile situato in alto oppure da una cabina entrambi montati direttamente sulla colonna della gru. La postazione di lavoro è rimasta praticamente inalterata da quando è stato introdotto il sedile alto dal marchio JONSERED di Hiab nel 1961, nonostante l’introduzione delle cabine   da parte di Hiab alla fine degli anni ’80. Con il lancio di HiVision alla fiera Bauma 2016, Hiab è stata la prima azienda del settore a presentare una soluzione veramente innovativa per l’azionamento delle gru forestali, in grado di incrementare sicurezza, ergonomia e produttività.

“Lo sviluppo di HiVision è stato incentrato interamente sul miglioramento dell’ambiente di lavoro e della sicurezza degli operatori. Ma abbiamo puntato anche sulla produttività e sulla riduzione dei costi per le aziende dei nostri clienti. Eravamo perfettamente consapevoli che si trattava di una soluzione radicale, ma offriva anche l’opportunità di allontanare l’operatore da un ambiente rischioso alla cabina di un autocarro, cioè la posizione di lavoro più comoda e sicura in assoluto durante il carico. Inoltre, la riduzione di peso si sarebbe tradotta nella possibilità di aumentare il carico utile”, afferma Toni Ahvenlampi, Product Manager HiVision, Forestry and Recycling Cranes, Hiab.

Il lancio di HiVision

Il primo filmato promozionale di HiVision, pubblicato nel 2016, è diventato virale sui social media ben prima della presentazione a livello mondiale alla fiera Bauma 2016. E HiVision ha destato un’enorme attenzione anche alle fiere seguenti. A soli 2 anni dal lancio sul mercato, HiVision si è già aggiudicata quattro premi: il premio per l’innovazione KWF 2016, il “Trophée Sécurité Encouragement” 2016, l’Owl of Rogow 2017 e il Forest & we 2017 per il prodotto più innovativo. Oltre a questi premi, il sistema è stato approvato da Dekra nel 2017 e certificato da TÜV Rheinland nel 2018.

Alla IAA 2016, Hiab ha annunciato di essere pronta a ricevere gli ordini. La prima gru con HiVision al mondo è stata consegnata al cliente Mattias Ackesten nel febbraio 2017.

“In pratica ci consideriamo dei pionieri nel settore della movimentazione dei carichi, abbiamo un forte spirito imprenditoriale e abbiamo lanciato sul mercato una lunga serie di soluzioni innovative che in seguito sono state assunte come standard dal settore. Tuttavia, in occasione del lancio di HiVision abbiamo imparato che siamo semplicemente un fornitore di soluzioni innovative. Infatti, i veri pionieri sono i nostri clienti, che utilizzano queste nuove tecnologie creando valore per le loro imprese in modi nuovi e innovativi. Inoltre, sono sempre pronti a lavorare in modo differente e di conseguenza siamo estremamente orgogliosi di questi clienti”, prosegue Hans Ekman, Vice President, Forestry and Recycling Cranes, Hiab.

Un successo mondiale

Il successo internazionale di questa soluzione è ormai un dato di fatto. HiVision è stata venduta in più di 10 mercati e, oltre ai mercati principali di Hiab, anche numerosi clienti in Danimarca, Scozia, Norvegia e Slovenia hanno investito in questa soluzione.

“L’aspetto più gratificante è come alcuni dei nostri clienti ritornino a investire in una gru equipaggiata con HiVision per la propria flotta. Uno di essi è Maik Ungefroren, in Germania. L’acquisto della prima gru HiVision era orientato a preparare la sua azienda per il futuro. Per lui, i vantaggi principali dell’investimento sono stati il comfort e la sicurezza dell’operatore, oltre all’aumento di produttività ed al fatto di diventare un datore di lavoro più attraente. L’investimento nella prima HiVision si è tradotto in un successo tale per la sua azienda che ha deciso di investire in un’altra gru”, afferma Jukka Soini, Product Business Manager, Hiab.

Anche lo scozzese James Jones ha investito in una seconda gru HiVision. L’idea che questo sia il futuro dell’azionamento delle gru è testimoniato anche dal fatto che molti clienti hanno realizzato di poter migliorare le condizioni di lavoro e diventare un datore di lavoro più attraente, anche alla luce dell’attuale carenza di manodopera specializzata. E questa potrebbe rivelarsi la strategia giusta, come dimostrato dal fatto che la scuola finlandese Savon koulutuskuntayhtyma (SAKKY) ha investito in un autocarro con HiVision e in un secondo simulatore HiVision per addestrare gli operatori forestali del futuro.

Ogni nuovo cliente di HiVision viene seguito attentamente da Hiab e ogni feedback viene registrato e analizzato nell’ambito di un processo continuo. “L’impegno dei nostri clienti, la loro creatività in termini di possibile utilizzo del sistema e le loro esperienze sono fondamentali per lo sviluppo futuro del prodotto. Inoltre, poiché HiVision è relativamente nuovo sul mercato e non esistono soluzioni simili di riferimento, non possiamo che affidarci alle loro opinioni per continuare a migliorare HiVision”, afferma Lech Mytnik, Senior Manager, R&D, Hiab Forestry and Recycling Cranes. Toni Ahvenlampi concorda e aggiunge: “Insieme ai nostri clienti, stiamo continuando a sviluppare HiVision e lavorando per cambiare e migliorare il sistema nell’ambito di un processo estremamente dinamico”.

I prossimi passi per lo sviluppo futuro di HiVision

Naturalmente, la collaborazione con i clienti si tradurrà in nuovi sviluppi per il sistema. “In settembre, alla fiera IAA di Hannover, in Germania, lanceremo le nuove funzionalità True Detachability e Remote Service. Stiamo continuando a lavorare sull’hardware e, naturalmente, quando saranno disponibili sul mercato nuovi occhiali per la realtà virtuale conformi agli standard rigorosi di Hiab, li renderemo disponibili anche per il sistema HiVision. Inoltre, stiamo dedicando una considerevole mole di lavoro al miglioramento continuo degli optional per la personalizzazione dell’ambiente di lavoro del cliente”.

“Per noi, l’innovazione è un processo continuo. Non siamo soddisfatti finché non lo sono i nostri clienti. L’aspetto più importante è abbracciare il futuro e lavorare duramente per migliorare le attività dei nostri clienti. Solamente quando saremo in grado di fornire loro gli strumenti necessari per rendere più sicuro il lavoro di tutti i giorni e rendere più redditizie le loro aziende, potremo affermare di aver raggiunto i nostri obiettivi, conclude Hans Ekman.

Hiab vi aspettia per celebrare il successo della soluzione innovativa HiVision alla fiera IAA di Hannover, Germania, dal 20 al 27 settembre, stand Hiab P35.

Related posts