• Annuncio creato il 10/11/2020 15:44 - Sollevare DEV -  -



  • Annuncio creato il 10/11/2020 15:44 - Sollevare DEV -  -


mercoledì, 25 Maggio 2022

Hermann Paus, addio al re delle autoscale

Must read

Goldhofer, capolavoro combinato in Texas con Mammoet

Mammoet è stato incaricato di trasportare un gruppo di sette reattori per raffineria da Houston a un impianto da etilene alchilato a...

Haulotte, esordio nelle basse quote

Nel segmento Low-Level Access, con sette nuovi modelli progettati per l’utilizzo negli interni con un solo operatore. Soluzione ottimale per lavori fino...

Ritorna in Europa l’articolata Z-45/25J RT di Genie

Genie annuncia il ritorno della piattaforma a braccio articolato Z-45/25J RTsui mercati dell'Europa e di Medio Oriente, Africa e India. Un best-seller...

Il Chorus Life di Bergamo nasce tra le braccia di Potain

A Bergamo, nel Nord Italia, il Gruppo Costim, holding industriale attiva nella filiera del real estate, sta trasformando una ex area industriale...

Il fondatore della più autorevole e famosa società produttrice di autoscale, gru e attrezzature di sollevamento per l’edilizia – la Hermann Paus Maschinenfabrik GmbH, nota semplicemente come Paus tra i numerosi clienti internazionali – si è spento il 27 dicembre scorso. A gennaio di quest’anno, Hermann Paus avrebbe compiuto 90 anni.

Una vita quasi dickensiana, quella di Hermann Paus, uno degli otto figli orfani di padre (lo perse quando aveva solo tre anni), precoce e brillante contributore alla piccola impresa della madre, che lavorava come modista e poi ancora orfano quando la donna morì di una grave patologia respiratoria. A nove anni, Hermann è già un adulto, con un bagaglio di sofferenza che non fermerà il suo talento di vita e lavoro. Viene separato dai fratelli e va a vivere in campagna con gli zii, proprietari di una piccola fattoria vicino a Munster. Con i cugini chiamati alle armi, Hermann dovette assumersi molte incombenze, nel lavoro agricolo nell’azienda di famiglia.

A 14 anni è maniscalco; ferra cavalli insieme allo zio e impara a riparare di tutto, dalle biciclette ai saldatori, fino alle mietitrici e alle legatrici. A 15 anni, frequenta una scuola professionale locale, una volta alla settimana, e matura il desiderio di diventare ingegnere. Nel 1950 ottiene il suo primo lavoro come meccanico e si iscrive a un corso preparatorio per l’istituto tecnico, frequentando, dopo il lavoro diurno, i corsi serali quattro giorni su sette e il sabato. La vita mette il giovane Hermann ancora a dura prova, quando rimane quasi paralizzato dopo un incidente sul lavoro che gli causa gravi ferite alla testa, immobilizzandogli temporaneamente la parte destra del corpo. Si riprenderà e nel 1953 convince il direttore della Scuola Statale di Ingegneria ad affidargli un posto vacante in uno dei corsi; otterrà la laurea in ingegneria tre anni dopo. L’avventura imprenditoriale di Hermann Paus ha inizio. Comincia come progettista di macchine agricole e registra il suo primo brevetto per un sistema di accelerazione per trattori. Nel 1961 viene assunto dal produttore di attrezzature agricole Krone; il proprietario, Bernard Krone, diventa per Hermann un’ispirazione e un mentore; sarà per lui un faro guida per la futura attività in proprio, insieme alla moglie Agnes che sposerà nel 1961.

Proprio con Agnes, Hermann Paus fonda la sua azienda nel 1968. Prima produzione, gli autocarri con cassone ribaltabile, seguiti dalla serie di pale gommate articolate. Nel 1974 la gamma Paus è ampliata con veicoli per applicazioni minerarie sotterranee, seguiti due anni dopo dagli argani inclinati per la movimentazione di materiali. Le gru trainate e i sollevatori allestiti su camion, le future autoscale, arrivarono ​​​​più tardi.

Tra successi e difficoltà iniziali, l’impresa di Paus cresce. Diventa fornitore dell’industria mineraria russa; il Ministero competente gli conferisce la medaglia d’onore destinata alle eccellenze nel settore minerario nazionale, nel 2001. Nel 2002 viene nominato membro onorario di facoltà all’Accademia mineraria bielorussa di Minsk. Di recente, Hermann Paus è stato inserito nella International Mining Hall of Fame di Denver, negli Stati Uniti. Hermann Paus ha svolto una parte importante nelle associazioni di categoria ed è stato per anni membro del consiglio comunale della sua città natale, Emsbüren, meritandosi la Croce federale al merito.

Menzionare gli innumerevoli meriti dell’uomo e dell’imprenditore, sarebbe comunque riduttivo. Una nota importante da sottolineare è quella dell’importanza che per Hermann Paus hanno sempre avuto i lavoratori della sua azienda, a cui prestava sempre la massima attenzione, assumendosi la responsabilità e l’onere delle difficoltà che li riguardavano. “Il mio nome è su ogni prodotto che viene costruito nella mia fabbrica, quindi è mio dovere sostenere le persone che lo realizzano”, era solito ripetere durante le interviste..

Hrermann Paus Lascia l’amata moglie Agnes, due figli – Franz-Josef e Wolfgang – alla guida dell’impresa di famiglia – e la figlia Elisabeth “Lisa” Paus, membro del Partito dei Verdi del Bundestag tedesco, oltre a numerosi nipoti che seguono oggi le orme del nonno nella passione per la grande ingegneria.

(Nella foto, Hermann Paus con la moglie Agnes)


  • Annuncio creato il 10/11/2020 15:44 - Sollevare DEV -  -


In Primo Piano

Goldhofer, capolavoro combinato in Texas con Mammoet

Mammoet è stato incaricato di trasportare un gruppo di sette reattori per raffineria da Houston a un impianto da etilene alchilato a...

Haulotte, esordio nelle basse quote

Nel segmento Low-Level Access, con sette nuovi modelli progettati per l’utilizzo negli interni con un solo operatore. Soluzione ottimale per lavori fino...

Ritorna in Europa l’articolata Z-45/25J RT di Genie

Genie annuncia il ritorno della piattaforma a braccio articolato Z-45/25J RTsui mercati dell'Europa e di Medio Oriente, Africa e India. Un best-seller...

Latest article

Goldhofer, capolavoro combinato in Texas con Mammoet

Mammoet è stato incaricato di trasportare un gruppo di sette reattori per raffineria da Houston a un impianto da etilene alchilato a...

Haulotte, esordio nelle basse quote

Nel segmento Low-Level Access, con sette nuovi modelli progettati per l’utilizzo negli interni con un solo operatore. Soluzione ottimale per lavori fino...

Ritorna in Europa l’articolata Z-45/25J RT di Genie

Genie annuncia il ritorno della piattaforma a braccio articolato Z-45/25J RTsui mercati dell'Europa e di Medio Oriente, Africa e India. Un best-seller...

More articles

Mobilità totale con il nuovo 817 Electro Battery di Sennebogen

Una tecnologia utile, finalmente, non solo per un abbattimento totale di CO2, ma anche per la massima flessibilità. Il nuovo movimentatore 817...

Pilosio, autosollevante con leggerezza in piazza San Marco

Dei cantieri in cui la Nuova Pilosio ha montato un ponteggio elettrico, uno dei più prestigiosi è senz’altro quello della facciata delle...

Nuova Serie F di CMC, ancora più forte, moderna, funzionale

Vertikal Days 2022 d'eccezione per CMC, che a Peterborough ha lanciato la nuova serie F di PLE ragno cingolate. Dopo tre anni...

Tag