domenica, 16 Giugno 2024

Vernazza Autogru, grande impresa con Demag e Tadano a Carrara

Must read

Cela Dealer Expo, l’ascesa di una nuova “regina” del sollevamento

L'occasione della prima edizione del Cela Dealer Expo è stata propizia per una molteplicità di fattori. All'incontro, presso il Golf Club Franciacorta di Corte...

Ecco Stafford Tower Cranes, il nuovo brand di Stafford Crane Group

Grandi cambiamenti stanno rivoluzionando l'assetto societario di Stafford Crane Group. Patrick N. Stafford, presidente del gruppo, ha annunciato recentemente il nuovo marchio,...

Accordo “capitale” tra CMC e Roscini per la rivendita delle PLE

Si estende anche a Roma e dintorni l'area di influenza del costruttore barese di piattaforme aeree CMC. Dopo un'attenta fase di scouting...

In diretta da Berg, i Kundentage 2024 di Liebherr

Sono partiti questa mattina, nella sede Liebherr di Berg - a pochi chilometri dal quartier generale di Ehingen - le Kundentage 2024....

Con un’altezza di 46 metri, lo storico carroponte dei cantieri The Italian Sea Group di Marina di Carrara ha caratterizzato per decenni lo skyline della costa apuana. Al suo “congedo”, per la decostruzione dell’impianto, Vernazza Autogru si è affidata ai due giganti cingolati Demag CC 3800-1 e CC 6800, con il supporto delle due autogrù TC 2800 e AC 250-1. “Sappiamo per esperienza che le macchine Demag e Tadano sono sinonimo di alti livelli di affidabilità e prestazioni – sottolinea Simone Barattini, direttore tecnico di Vernazza Autogru – Non è un caso che il nostro parco macchine sia costituito prevalentemente da modelli del marchio”. Le due cingolate avevano tutte le caratteristiche di potenza e raggio operativo per sollevare e movimentare un elemento pesante più di 1.000 tonnellate per 105 metri di lunghezza. Non solo; le due gru risultano comunque abbastanza contenute nell’ingombro, per un insediamento e un dinamismo di lavoro notevole anche nello spazio angusto del cantiere di Carrara.


Un montaggio in condizioni difficili
Per prima cosa era necessario portare sul cantiere i due principali attori del sollevamento. La gru CC 6800 era giunta sul posto proveniente dal nuovo centro logistico Vernazza di Vado Ligure mentre la gru CC 3800-1 era partita dal centro Italia, dove era stata in precedenza impiegata per l’installazione di un ponte ferroviario. Il trasporto delle gru ha richiesto circa due settimane in totale, con i componenti più piccoli trasportati su strada mentre quelli particolarmente grandi trasportati via nave. “In tal modo abbiamo ridotto al minimo i tempi di trasporto per rispettare le tempistiche richieste dal cliente – spiega il direttore operativo Giulio Zunino – In cantiere la gru CC 3800-1 è stata allestita in configurazione SSL_1 con un braccio a traliccio da 78 metri e 50 tonnellate di contrappeso centrale, 165 tonnellate di torretta e 285 tonnellate di contrappeso Superlift. Per la gru CC 6800 il team di Vernazza ha optato per una configurazione SSL con braccio a traliccio da 66 metri, 80 tonnellate di contrappeso centrale, 250 tonnellate di torretta e 400 tonnellate di contrappeso Superlift. In totale, il montaggio delle due gru ha richiesto dieci giorni con altrettanti montatori; non molto, considerando le difficili condizioni in cui è avvenuta l’operazione. La logistica e l’accesso al cantiere risultavano fortemente limitati, poiché le gru erano in fase di montaggio in aree in cui il cantiere navale era operativo e dovevano coordinarsi con altri lavori edili per la ristrutturazione del cantiere stesso”.


Sollevamento dal bacino di carenaggio per la gru CC 3800-1
Questa non è stata l’unica sfida che il team Vernazza si è trovato a fronteggiare in cantiere. “Abbiamo dovuto prima livellare le aree di manovra delle due gru e renderle sufficientemente stabili da consentire manovre sicure – precisa Giulio Zunino – Per la gru CC 6800 è stata preparata un’area di circa 34 x 16 metri e per la gru CC 3800-1 un’area di 105 x 18 metri, nello specifico nel bacino di carenaggio, che sarebbe stato il luogo di lavoro della gru CC 3800-1, nove metri sotto i binari del carroponte”. “La realizzazione di un’area così ampia che consenta la traslazione di questa gru si è resa necessaria in quanto la trave principale lunga 105 metri doveva essere posizionata sul fondo del bacino per consentire i lavori di decostruzione finali – riferisce Simone Barattini – Allo scopo, la gru CC 3800-1 doveva poter spostare di conseguenza il carico al gancio lungo il bacino”. Per compensare la posizione più bassa della gru CC 3800-1 nel bacino, questa è stata inoltre predisposta con un braccio principale più lungo rispetto alla gru CC 6800. Per ridurre la pressione al suolo delle gru, sono stati predisposti due binari in legno azobè per la gru CC 6800 e due binari in lamiera d’acciaio per la gru CC 3800-1.

Attrezzature di sollevamento specifiche
Non meno complessa è stata la scelta dell’attrezzatura da utilizzare per il sollevamento. “Per il sollevamento in tandem abbiamo adottato diverse configurazioni – precisa Giulio Zunino – Tutte sono state appositamente realizzate per questo lavoro e posizionate sul lato inferiore della trave principale del carroponte”. Per la gru CC 3800-1 si è trattato di una singola traversa, fissata alla gru tramite due grilli di sollevamento, ciascuno con una capacità di sollevamento di 300 tonnellate, e due imbracature in acciaio ad anello lunghe 32 metri e con una capacità di sollevamento di 218 tonnellate ciascuna disposte a culla nel grillo. Per la gru CC 6800 è stata utilizzata una doppia traversa, collegata mediante quattro grilli di sollevamento, ciascuno con una capacità di sollevamento di 300 tonnellate, e otto imbracature ad anello lunghe 8 metri e con una capacità di sollevamento di 262 tonnellate ciascuna. Le imbracature sono state collegate a coppie tramite grilli di sollevamento con una capacità di sollevamento di 250 tonnellate. “Le nostre gru CC sono state preparate in modo ottimale per sollevare il carroponte, così da permettere agli addetti ai lavori di smontarlo pezzo per pezzo, dal basso verso l’alto mediante cannelli da demolizione – conferma Zunino – Ogni volta che si rimuovevano parti della colonna destra e sinistra del carroponte, le due gru lo abbassavano per l’altezza del pezzo rimosso”. Durante il sollevamento, la gru CC 6800 è stata caricata con un peso massimo di 730 tonnellate con uno sbraccio di 16 metri e la gru CC 3800-1 con un peso massimo di 320 tonnellate entro uno sbraccio di 18 metri. Grazie alla minuziosa pianificazione delle risorse del team tecnico di Vernazza e in stretta collaborazione con i tecnici del cliente, tutto è andato come previsto e si è concluso entro i tempi previsti. “Di questo dobbiamo ringraziare anche i nostri collaboratori qualificati, che hanno condotto il sollevamento in modo assolutamente professionale”, sottolinea Giulio Zunino, non senza orgoglio per la sua squadra, presente sul posto con un totale di dodici persone: un gruista e un segnalatore per ciascuna gru principale, oltre a un responsabile operativo, un responsabile tecnico e sei macchinisti per le gru ausiliarie. In totale, i lavori presso il cantiere sono durati circa sei settimane. Di queste, due settimane sono state dedicate al montaggio delle gru, due settimane ai lavori e altre due settimane allo smontaggio finale.

In Primo Piano

Cela Dealer Expo

Cela Dealer Expo, l’ascesa di una nuova “regina” del sollevamento

L'occasione della prima edizione del Cela Dealer Expo è stata propizia per una molteplicità di fattori. All'incontro, presso il Golf Club Franciacorta di Corte...
Stafford Tower Cranes brand

Ecco Stafford Tower Cranes, il nuovo brand di Stafford Crane Group

Grandi cambiamenti stanno rivoluzionando l'assetto societario di Stafford Crane Group. Patrick N. Stafford, presidente del gruppo, ha annunciato recentemente il nuovo marchio,...
Accordo CMC Roscini

Accordo “capitale” tra CMC e Roscini per la rivendita delle PLE

Si estende anche a Roma e dintorni l'area di influenza del costruttore barese di piattaforme aeree CMC. Dopo un'attenta fase di scouting...

Latest article

Cela Dealer Expo

Cela Dealer Expo, l’ascesa di una nuova “regina” del sollevamento

L'occasione della prima edizione del Cela Dealer Expo è stata propizia per una molteplicità di fattori. All'incontro, presso il Golf Club Franciacorta di Corte...
Stafford Tower Cranes brand

Ecco Stafford Tower Cranes, il nuovo brand di Stafford Crane Group

Grandi cambiamenti stanno rivoluzionando l'assetto societario di Stafford Crane Group. Patrick N. Stafford, presidente del gruppo, ha annunciato recentemente il nuovo marchio,...
Accordo CMC Roscini

Accordo “capitale” tra CMC e Roscini per la rivendita delle PLE

Si estende anche a Roma e dintorni l'area di influenza del costruttore barese di piattaforme aeree CMC. Dopo un'attenta fase di scouting...

More articles

Sennebogen LLC filiale USA

Sennebogen LLC, cresce la filiale USA

Continuano gli investimenti di Sennebogen nel mercato USA, relativamente alla filiale statunitense Sennebogen LLC di Stanley, nello stato del North Carolina, fondata...
Layher Porziuncola Assisi

Esclusivo per Sollevare, i sistemi Layher per i lavori alla Porziuncola di Assisi

L’opera provvisionale firmata Layher è stata scelta per proteggere la Porziuncola, importante patrimonio di spiritualità, storia e arte, durante i lavori di messa in...
Eurotecno Magni Santissima Trinità

Eurotecno in quota con Magni per il restauro alla Santissima Trinità di Crema

Nel delicato lavoro di rimozione delle cinque campane della Chiesa della Santissima Trinità di Crema, l'impresa specializzata Rubagotti Carlo ha noleggiato da...

Tag