• Annuncio creato il 10/11/2020 15:44 - Sollevare DEV -  -


  • Annuncio creato il 10/11/2020 15:44 - Sollevare DEV -  -



giovedì, 2 Dicembre 2021

FS, la generazione sostenibile di Faresin

Must read

PLE giganti? Nessun problema, ci pensa il MultiMAX Plus di Faymonville

Una tecnologia di estremo dinamismo per le modalità di sollevamento e accesso rapide e flessibili nel trasporto di macchinari e attrezzature speciali,...

A Nizza, il via all’International Tower Crane Conference 2021

Sotto l'egida organizzativa dell'editore internazionale KHL, si è aperta oggi (per entrare domani, 2 dicembre, all'hotel Le Meridien di Nizza, nel cuore...

Potenza rinnovata con i frontali diesel RCD di Still

Still integra e completa la propria gamma di carrelli elevatori grazie ai nuovi e potentissimi frontali diesel RCD per movimentare carichi fino...

Assodimi, tutte le luci del 29° Congresso a Firenze

Si è svolta venerdì 26 novembre la 29° edizione del congresso dei noleggiatori organizzato da Assodimi. Nella spettacolare location della Stazione Leopolda...

Dopo la brillante anteprima online, a beneficio di numerosi spettatori collegati all’evento virtuale, ecco finalmente dal vivo negli spazi dell’Eima di Bologna, l’evento clou della meccanizzazione agricola europea, il nuovo FS 7.32 Compact di Faresin Industries, primo esemplare della nuova gamma FS di sollevatori telescopici “ad alta sostenibilità” ambientale (e operativa, aggiungiamo noi).

Dopo la diretta streaming da un hangar allestito all’interno dello stabilimento Faresin di Breganze – condotta dal presidente Sante Faresin e dalle figlie Silvia e Giulia, rispettivamente vicepresidente e Operations Manager di Faresin Industries – la presenza a Eima 2021 rivela un vero e proprio cambio di paradigma per la nuova generazione di sollevatori del marchio veneto; uno sviluppo che segue la tecnologia “Internet of Things”, sempre più strategica per la gestione delle flotte e per l’interazione tra macchine e dispositivi nelle aziende agricole (e nei cantieri, seguendo la direttrice applicativa Construction).
Tutti i componenti strutturali della nuova macchina, incluso il sofisticato software che gestisce la sensoristica integrata, sono stati infatti progettati, testati e realizzati nello stabilimento di Breganze, secondo i dettami di una tecnologia proprietaria Made in Faresin che sta rivoluzionando il settore agricolo (attirando l’attenzione globale con la recente introduzione del primo sollevatore full electric al mondo).

Nuova Livrea e design funzionale
L’FS 7.32 Compact si presenta con un nuovo design partito da un’idea del dipartimento di Ricerca & Sviluppo Faresin e sviluppato in collaborazione con prestigiosi studi specializzati e partner all’avanguardia. Per la gamma FS è stata completamente rivista anche la livrea (con un’alternanza sapiente del rosso e grigio tipico delle macchine Faresin, con un grigio argento distintivo applicato in alcune parti). L’elemento caratteristico di questa livrea è il “graffio”, il segno bianco che percorre per tutta la sua lunghezza la costola del cofano a sottolinearne il profilo e nel contempo assumendone il ruolo di tratto distintivo.

FS 7.32, primo di una nuova specie
Il primo modello della nuova Gamma FS è l’FS 7.32, sollevatore telescopico compatto da 3,2 t di capacità massima di sollevamento con altezza massima di sollevamento di 7,1 m. I dati ulteriormente caratterizzanti sono un angolo di sterzo di 37° che assieme al raggio di svolta di soli 3,8 m, per una macchina che ha il passo di 2,95 m, rendono questa macchina di grandi prestazioni con agilità unica ed altrettanto importante stabilità. Disponibile in due versioni, quella standard e una ribassata “Low Cab”. Con soli 2,06 m al punto più alto della cabina questa versione è destinata a diventare la macchina ideale in tante realtà operative. In sintesi FS 7.32 è un sollevatore telescopico concepito per rispondere in modo versatile alle necessità quotidiane dalla movimentazione off road in tutti i possibili settori di impiego.

Motori, prestazioni superiori e meno consumi
Progettare guardando al futuro ha significato anche pensare alla riduzione dell’impatto ambientale, alla riduzione dei consumi e, contemporaneamente al miglioramento delle prestazioni.
Cinque sono motorizzazioni disponibili per FS 7.32, tutte Deutz a 4 cilindri da 2,9 a 3,6 dm3, raffreddati ad acqua con potenze espresse da 55,4 kW a 100 kW. Tutte rispondenti alla normativa Stage V per le emissioni con tecnologia di post-trattamento con catalizzatore di ossidazione (DOC) o ad urea (SCR) e filtro anti particolato (DPF).
Tutte le motorizzazioni sono common rail, turbocompresse, con intercooler per rispondere alle variabili necessità di potenza collegate agli impieghi specifici con curve di coppia ottimizzate per grandi prestazioni e rapida disponibilità di potenza con bassi consumi. Inoltre gli intervalli di manutenzione che arrivano a 1.000 ore, si traducono in significativo abbattimento dei costi di gestione.
Attenzione anche alla sicurezza, con l’introduzione dell’”AutoStop” che spegne il motore quando l’operatore si alza dal sedile, per poi riaccenderlo, sempre in modo autonomo, al ritorno. Soluzioni che alla tutela dell’operatore aggiungono un risparmio di combustibile. La ventola di raffreddamento idraulica regola automaticamente la velocità di rotazione in funzione della temperatura, reversibile e a controllo elettronico, combina una perfetta regimazione della temperatura con la riduzione dei consumi e rappresenta la soluzione definitiva agli impieghi in ambienti polverosi.
Il processo di ottimizzazione degli spazi sottocofano ha ottenuto un efficientamento dei flussi dell’aria, favorito anche dalle nuove griglie. Inoltre, il nuovo layout del motore e dei gruppi radianti garantisce un comodo accesso a tutti i punti di verifica manutentiva.

Trasmissioni per ogni impiego
Tutte le versioni del FS 7.32 sono dotate di trasmissione idrostatica Ecodrive, soluzione evoluta in grado di dosare la potenza erogata in funzione della modalità di guida per ottenere il più efficace sfruttamento della potenza a fronte di un consistente contenimento di consumi ed emissioni.
Due le soluzioni di trasmissione che differiscono per il numero di rapporti e la velocità massima: una monomarcia con velocità 0-30 km/ora per l’allestimento Dynamic. Il cambio meccanico a due velocità consente di raggiungere una velocità massima di 40 km/h ma di avere un rapporto ridotto per i lavori che richiedono maggior trazione. Questa soluzione è presente negli allestimenti Performance ed Excellence.
Anche il differenziale può essere scelto in base alla destinazione di utilizzo della macchina. Due sono le soluzioni disponibili: assali con bloccaggio del differenziale automatico del tipo limited slip al 45% e una soluzione evoluta con bloccaggio del differenziale al 100% a comando idraulico. Quest’ultima permette al FS 7.32 di affrontare qualsiasi terreno in assoluta sicurezza e con pieno controllo della trazione.

Sistema idraulico intelligente
Il circuito dell’olio idraulico adotta la stessa logica progettuale di fornire soluzioni per ogni impiego in modo modulare. Due sono le soluzioni per il circuito dell’olio idraulico pompa ad ingranaggi o pompa a pistoni a cilindrata variabile, quindi in load sensing. La parte idraulica è il vero muscolo della macchina per è sovradimensionata a garanzia della versatilità di impiego con portate da 120 a 180 litri/min, secondo l’allestimento, in grado di assicurare cicli di lavoro rapidi. I distributori di flow-sharing ad alta efficienza garantiscono un’eccellente multifunzionalità e, con l’introduzione dell’innovativo sistema a gestione elettronica, si ha il controllo contemporaneo programmabile di più azioni del braccio. L’efficienza del sistema è migliorata dalla presenza della valvola Ecofast che rigenera l’olio in uscita dal cilindro durante la discesa del braccio i movimenti del braccio anche a bassi regimi con significativi risparmi sui consumi di combustibile. La stessa logica è stata adottata con la valvola rigeneratrice che ottimizza i tempi di sbraccio riutilizzando l’olio in uscita dai martinetti. La loro combinazione è programmabile dallo stesso operatore attraverso FS Display o FS Selector.

Ergonomia, comfort e visibilità
I progettisti hanno rivisto l’interno della cabina rendendola un vero fiore all’occhiello. È stata completamente ridisegnata la posizione dei comandi per renderne più intuitivo l’utilizzo rendendola un vero fiore all’occhiello. Il risultato è una disposizione armonica e piacevole dei controlli, raggruppati per logica funzionale su una plancia totalmente rivista come layout e colori. Il volante è regolabile in altezza per adattarsi all’operatore.
Tutte le informazioni sono ora riunite nell’FS Display, touch screen a colori da 7 pollici, antiriflesso, posizionato sul montante di destra. I parametri di funzionamento del motore, i diagrammi di carico e altre funzioni accessorie come l’autoradio, i controlli del climatizzatore, il controllo fari, ecc. ora sono visibili in un’unica posizione.
La poltroncina del conducente a sospensione pneumatica con multiregolazione, integra sul bracciolo di destra l’FS Joystick che riunisce i comandi di controllo del braccio telescopico. Gli spostamenti veloci su terreni sconnessi od accidentati sono resi più sicuri dal bracciolo integrato. Il passaggio tra schermate e la modifica delle impostazioni viene effettuata direttamente su FS Display o attraverso l’FS Selector, intuitivo sistema di controllo a rotella, anch’esso posizionato sul bracciolo.
Nei vani della consolle sono collocate due prese USB e sono presenti alcuni alloggiamenti dove riporre comodamente vari oggetti tra cui anche un porta-bottiglia.
Il risultato della nuova cabina è un ambiente di lavoro gradevole, ordinato, confortevole, sicuro, con visibilità a 360° sull’esterno. Infatti, la nuova linea ha significativamente ridotto le zone d’ombra a tutto vantaggio della sicurezza.
Il sistema di ventilazione e riscaldamento dalla cabina con 4? bocchette orientabili rappresenta un potente sistema di disappannamento; l’impianto dell’aria condizionata permette, inoltre, all’operatore il massimo comfort anche in condizioni esterne di elevata polverosità.
Due grandi specchi retrovisori offrono un’ampia visibilità e l’impianto luci è offerto con soluzione a led. Tutto è stato progettato per fornire un comfort unico per l’operatore. L’accesso alla cabina è facilitato da una comoda e sicura pedana con luce di cortesia e plancia a Led interna che si attivano all’apertura della porta.



  • Annuncio creato il 10/11/2020 15:44 - Sollevare DEV -  -


In Primo Piano

PLE giganti? Nessun problema, ci pensa il MultiMAX Plus di Faymonville

Una tecnologia di estremo dinamismo per le modalità di sollevamento e accesso rapide e flessibili nel trasporto di macchinari e attrezzature speciali,...

A Nizza, il via all’International Tower Crane Conference 2021

Sotto l'egida organizzativa dell'editore internazionale KHL, si è aperta oggi (per entrare domani, 2 dicembre, all'hotel Le Meridien di Nizza, nel cuore...

Potenza rinnovata con i frontali diesel RCD di Still

Still integra e completa la propria gamma di carrelli elevatori grazie ai nuovi e potentissimi frontali diesel RCD per movimentare carichi fino...

Latest article

PLE giganti? Nessun problema, ci pensa il MultiMAX Plus di Faymonville

Una tecnologia di estremo dinamismo per le modalità di sollevamento e accesso rapide e flessibili nel trasporto di macchinari e attrezzature speciali,...

A Nizza, il via all’International Tower Crane Conference 2021

Sotto l'egida organizzativa dell'editore internazionale KHL, si è aperta oggi (per entrare domani, 2 dicembre, all'hotel Le Meridien di Nizza, nel cuore...

Potenza rinnovata con i frontali diesel RCD di Still

Still integra e completa la propria gamma di carrelli elevatori grazie ai nuovi e potentissimi frontali diesel RCD per movimentare carichi fino...

More articles

Multitel Pagliero, nuovo dealer in Canada

Multitel Pagliero ha firmato un importante accordo con SOS Location e sbarca oltreoceano, per la precisione in Canada. L’azienda con sede a...

Potain svetta sul progetto Maximall Pompeii

La società di progettazione immobiliare italiana, Gruppo Irgenre, ha installato cinque gru urbane topless Potain MCT 88 e due gru a torre...

LogiMAT di nuovo rinviato. Si va alla fine di maggio del 2022

Il LogiMAT di Stoccarda, la fiera internazionale per le soluzioni intralogistiche e la gestione dei processi, è stato posticipato dal 31 maggio...

Tag